NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
Italian Dutch English French German Japanese Russian Spanish

Cominciamo questa estate col proporvi alcune località balneari, interessanti da vivere e raggiungere per trascorrere tranquille e serene vacanze. Il primo luogo che vi proponiamo è Ràcale, comunemente conosciuta come "Città delle Calze". Di provincia salentina, questa città dista solo sei chilometri dal litorale ionico.

La spiaggia maggiormente visitata e raggiunta durante il periodo estivo è quella di Torre Suda: essa è costituita prevalentemente da scogli piatti e bassi e consente di praticare numerose attività fra cui la pesca subacquea e immersioni di vario genere. Vi consigliamo vivamente di raggiungere la suddetta località per la sola acqua lmpida che la caratterizza e per il suggestivo panorama roccioso che la circonda. In città sono anche presenti numerosi alberghi e B&b pronti ad accogliere qualsiasi turista. 

ts

189079-01

Come la maggior parte delle località pugliesi qui la natura e il mare si intrecciano con la storia e la cultura di un popolo.

La marina di Torre Suda prende infatti il suo nome da un'antica Torre costiera, fatta costruire probabilmente nel XVI secolo e ancora oggi luogo in cui l'amministrazione comunale di Racale allestisce concerti, sagre e manifestazioni varie nel corso dell'estate.

Rivolta verso il mare, la sua forma imponente e circolare, alla quale è addossata un lunga rampa di scale in pietra, ci fa ben intendere non soltanto la sua funzione di torre di avvistamento contro le incursioni dei turchi, ma ci riporta con la memoria indietro di oltre 500 anni, quando i Salentini lottavano con tutte le loro forze per salvaguardare e proteggere la loro meravigliosa costa, principale meta dei pirati saraceni.

In città invice, una passeggiata nel centro storico permettere di ammirare le numerose chiese, tra cui l'antica Chiesa Madre di Santa Maria del Paradiso con l'adiacente campanile cinquecentesco (l'edificio, fondato nel XII secolo, fu poi ricostruito nel XVIII secolo in seguito ad un rovinoso terremoto) e la chiesetta di San Nicola Pellegrino (anch'essa colpita dal terremoto del 1743 e poi ricostruita). Sempre all'interno del centro storico è possibile ammirare ancora il castello baronale della famiglia Tolomei, probabilmente fondato sul sito di un preesistente castello bizantino. Le sue originarie funzioni difensive hanno lasciato spazio all'eleganza e all'aspetto attuale di una residenza signorile.

Read 15935 times Last modified on Mercoledì, 02 Luglio 2014 18:21