NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
Italian Dutch English French German Japanese Russian Spanish

Martignano è un comune facente parte della provincia di Lecce. Oggi vi guidiamo all'interno di questa fantastica realtà e vi invitiamo a visitarla. In questo piccolissimo comune non vi abitano più di 1720 abitanti ma vi assicuriamo che viverci è piacevolissimo. Raggiungerlo è facilissimo, basta immettersi in uno dei due collegamenti stradali principali quali la Strada statale 16 Adriatica Lecce-Maglie o altre strade provinciali interne come la SP30 da Calimera e da Sternatia o SP28 da Martano e da Caprarica di Lecce.

Per conoscere a fondo tutto quello che questo piccolino paesino offr,e vi consigliamo di raggiungere prima di tutto il suo centro, lì dove nel 1500 è stata innalzata la Chiesa Parrocchiale nella Piazza della Repubblica. Intitolata S. Maria Maria dei Martiri questa Chiesa è stata altresì lavorata da scultori ed architetti come il Cino e lo Zimbalo: al suo interno troviamo infatti magnifici altari barocchi, tra cui l'imponente altare della Madonna del Rosario, tele del Pasquale Grassi (tela altare di San Pantaleo) e di Oronzo Tiso (tela di S.Oronzo, parete sinistra inizio navata centrale), un elegante mosaico a tema geometrico floreale opera dei Fratelli Peluso, ed imponenti statue, tra cui quelle di S. Pantaleone, protettore del paese.

800px-Cappella di_San_Giovanni_Battista_di_MartignanoSe ci spostiamo verso Piazza Palmieri possiamo notare, lungo Via Chiesa, portali riccamente decorati con elementi zoomorfi, tra cui il portale Volpe ed il Pasca, e antiche case a corte. Prospiciente a Piazza Palmieri sorge la seicentesca Cappella di S. Giovanni Battista (foto a lato), interamente affrescata con due cicli pittorici dedicati, uno alla vita di San Giovanni Battista, l'altro, ai discepoli e Gesù Cristo. Affianco alla Cappella ha sede anche l' Istituto di Culture Mediterranee della provincia di Lecce. Costeggiando il lato ovest del Palazzo Palmieri (che da nome alla Piazza), prendiamo via Calvario per giungere il seicentesco ex convento di S. Francesco. Nella stessa piazza sorge la cappella della Madonna delle Grazie, detta in griko "cunéddha", che significa "piccola immagine" che propone la Madonna delle Grazie con i Santi Eligio e Donato.Merita attenzione anche il Largo pozzelle, luogo appunto di conservazione delle pozzelle, cioè antichi sistemi di raccolta delle acque piovane, noti a Martignano come i pozzi di San Pantaleo, la cui festa ricade il 26 e 27 luglio.

Read 9022 times