NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
Italian Dutch English French German Japanese Russian Spanish
Mercoledì, 27 Febbraio 2013 02:57

mare Featured

Written by
Rate this item
(0 votes)
Mare in Salento Mare in Salento

Calette segrete e scogliere a strapiombo sul mare, baie e distese di sabbia bianchissima, dune ricoperte di macchia, scogli piatti e faraglioni: sono circa 800 i kilometri che si estendono lungo la costa pugliese, partendo dal basso Salento sino ad arrivare al Gargano. Da sempre considerato approdo e partenza di mille storie e mille avventure, il mare di Puglia ci parla di eroi, di Santi, Turchi e Crociati, di porticcioli, di fari, grotte e isole. Si costeggiano in totale due mari: lo Ionio ad est della regione e l’Adriatico ad ovest.

Le coste che si affacciano sul Mare Adriatico sono di varia natura: alte e rocciose le coste del Gargano e del tratto otrantino del Salento; basse e rocciose quelle della Murgia Costiera e di  taluni tratti della penisola salentina; ampie zone basse e sabbiose invece si estendono a nord del Gargano, in alcuni tratti del Salento, del Golfo di Manfredonia alla foce dell’Ofanto, lungo il golfo di Taranto fino alla foce del Bradano.

Scarse sono le isole: meritano di essere citate le Tremiti a nord del Gargano, le Pedagne difronte al porto di Brindisi; l’isola di Sant’Andrea presso Gallipoli; le Cheradi nel golfo di Taranto. Sono qua e là presenti anche altri piccoli isolotti che possono quasi considerarsi degli scogli. Nelle vicinanze della costa, il fondo del mare, la sua profondità, il suo aspetto, la vegetazione e la fauna sono in stretta relazione con la natura della zona costiera. Porti naturali, che sorgono cioè in profonde e riparate insenature, sono quelli di Manfredonia, Brindisi e Taranto; altri porti come Barletta, Trani, Molfetta, Bari, Monopoli, Gallipoli, si sono sviluppati quasi tutti lungo il litorale roccioso.

A differenza delle Coste Ioniche, in cui si è affermato il Porto di Taranto, le coste adriatiche pugliesi mancano di una vasta e profonda insenatura che abbia portato allo sviluppo di una città portuale capace si accentrare la maggior parte del traffico marittimo.

In definitiva, l’itinerario del mare pugliese rivela la bellezza di contrasti cromatici stupefacenti, su cui si stagliano torri d’avvistamento e poderosi castelli. Rivela angoli intrisi di salsedine, piacevoli brezze e venti di tutti i tipi. Il mare della costa pugliese è un mare che ha scolpito per millenni frastagliate coste a muro, è un mare che procura sale, che incentiva al turismo e segnala antiche incursioni piratesche. È un mare che regala sensazioni e misteri, storie d’incontri come quello fra il mar Ionio  e mare Adriatico.

Read 184361 times Last modified on Mercoledì, 05 Febbraio 2014 12:12